Clicca qui per il nuovo sito di Articolo 21 »
Ricerca con Google
Web articolo21.info
 
 
Articolo 21 - Editoriali
Intercettazioni: a che pro le multe, se non a intimidire i giornalisti e a proteggere i manigoldi?
Condividi su Facebook Condividi su OKNOtizie Condividi su Del.icio.us.

di Vittorio Roidi*

Multe severe appioppate al giornalista che pubblicherà il testo di intercettazioni telefoniche. Questa, alla fine, sarà la legge che chiameremo Mastella? Speriamo che ci sia ancora lo spazio per un ripensamento. Non si capisce infatti che bisogno ci sia di una legge che limiterà il diritto di cronaca e dimezzerà il raggio dâ??azione dei cronisti giudiziari. Mastella riuscirà lì dove fallì Giuseppe Gargani nel 1993? A quanto pare sì: dopo tanti scandali, la classe politica decide di impedire ai cittadini di conoscere la verità, anziché intervenire sui responsabili. Invece che dei fatti illeciti, si parla delle intercettazioni che li hanno fatti conoscere.
Potremmo rispondere che i giornalisti andranno comunque avanti, perché questo è il loro dovere. Ma il pericolo dellâ??autobavaglio è forte se le multe potranno raggiungere anche i 60 mila euro.
La prima osservazione: che grazie alla pubblicazione delle intercettazioni lâ??opinione pubblica abbia conosciuto episodi e fenomeni di malcostume è sotto gi occhi di tutti. Così come è evidente il dovere dei giudici (e dunque dei giornalisti) di togliere dalle intercettazioni ciò che si riferisce a persone non indagate, per le quali altrimenti si realizzerebbe una gogna mediatica e una violazione dei diritti fondamentali. Stabilito questo, ricordiamo che il Garante per la privacy, Pizzetti, ha negato lâ??illiceità della pubblicazione. E allora?
Gli aspetti sono due, che vanno tenuti distinti. Se la pubblicazione del testo delle intercettazioni danneggia le indagini, il giudice ha già il potere di secretazione. Lo usi e il problema sarà già risolto, come sarà risolto se gli archivi giudiziari verranno â??blindatiâ?, come continua a chiedere lâ??Autorità di garanzia. E il giudice si ricordi di eliminare quelle parti delle intercettazioni che non sono rilevanti per le indagini e che, dunque, giustamente, non devono finire nellâ??ordinanza, né tanto meno essere diffuse.
Quanto alla privacy, è giusto che il giornalista non pubblichi telefonate riguardanti persone che nellâ??inchiesta non câ??entrano. La legge n. 675 li protegge dal 1998. E su segnalazione del Garante è già possibile che il giornalista venga sanzionato dallâ??Ordine.
Dunque, a che pro le multe, se non a intimidire i giornalisti e a proteggere i manigoldi?

*Segretario nazionale Ordine dei Giornalisti

Letto 607 volte
Notizie Correlate
Audio/Video Correlati
Dalla rete di Articolo 21